Home Tavoli, ospiti e buone maniere
  • 0
  • 0
  • 0
  • 0
  • 0
  • 0
  • 0
  • 0
  • 0
  • 0
Tavoli, ospiti e buone maniere PDF Stampa E-mail

tavoli, ospiti e buone maniereSistemare i propri ospiti in modo che si sentano a proprio agio e affichè gradiscano la compagnia ai tavoli, è una cosa che non bisogna assolutamente trascurare per la riuscita del ricevimento di nozze.

Naturalmente l’attenzione è necessaria qualora si scelga di organizzare il proprio banchetto di nozze in maniera tradizionale, ovvero con sedute ai tavoli prestabilite per la durata dell’intero ricevimento; è necessario indicare i posti assegnati su un “Tableau Mariage”, all’entrata della sala ricevimenti, che svolgerà la funzione di agevolare gli ospiti per raggiungere il proprio posto al proprio tavolo e leggere in anticipo chi saranno i commensali; anche questo dettaglio può seguire il tema delle nozze con la scelta di nomi particolari ispirati ad esempio a fiori, pittori famosi, essere impreziosito da disegni e accessori, riposto su un leggio alto o su un pannello ben visibile.

Inoltre il personale della sala ricevimenti sarà facilitato nella sistemazione del numero di tavoli giusto e dell’adeguato assortimento delle grandezze dei tavoli in base al numero degli invitati. La scelta sarà rivista quando si avrà la lista effettiva di conferme e disdette; lista che resterà un segreto perché qualunque amico proverà a sapere in anticipo con chi sarà a tavola ed è invece preferibile non lasciarsi condizionare da insoddisfazioni momentanee.

E’ giusto sedere allo stesso tavolo amici dello stesso gruppo, amici di vecchia data, due famiglie con bambini che potranno giocare tra loro, assortire i single tra loro o non sistemarne uno in un tavolo di coppie; i parenti possono anche essere mescolati ai tavoli, famiglia della sposa con famiglia dello sposo anche se si conoscono poco, l’occasione favorirà lo stringersi dei legami. L’abitudine più diffusa vede la sistemazione di tavoli rotondi da sei/otto o massimo dodici posti a sedere, pratica e “diplomatica” in quanto permette ai commensali di parlare comodamente tutti tra loro.

Gli sposi, secondo il galateo, dovrebbero sedere con i genitori e i testimoni: la sposa al posto d’onore, lo sposo alla sua sinistra, accanto alla sposa i genitori dello sposo in alternanza tra uomini e donne e viceversa accanto allo sposo i genitori della sposa e a seguire i testimoni. Ma è sempre più diffusa l’abitudine per gli sposi di sedere tra gli amici o meglio ad un piccolo tavolo, da soli, anche per non creare imbarazzi quando ci si alza. Per i più informali, in alternativa, si può scegliere la lunga tavolata, che riprende la tradizione dei matrimoni meridionali degli anni del dopoguerra, con al centro i due sposi circondati a piacere da amici e parenti.

Le buone maniere a tavola sono fondamentali, soprattutto in un’occasione come le nozze, ci si siede composti non troppo lontani dal tavolo, lo sposo dovrebbe aiutare la nuova moglie a sistemare strascico e abito in modo che segga comodamente senza apparire goffa; non si appoggiano i gomiti sul tavolo ma si accostano al corpo e si poggiano solo i polsi.

Appena seduti ci si sistema il tovagliolo sulle ginocchia, mai assolutamente al collo della camicia e lo si posa a sinistra quando ci si alza. Si può accostare il tovagliolo alla camicia o all’abito tenendolo sempre in mano, per evitare di sporcarsi con schizzi di cibo. Si mangia dritti, avvicinando la posata alla bocca, non si portano le dita in bocca, non si tocca il cibo con le mani ma ci si può aiutare con il coltello, è opportuno imparare ad usare le posate giuste per ogni portata, anche se la sistemazione del tavolo facilita le cose visto il cambio sequenziale di cibo e posate.

Se si mangiano minestre non si inclina il piatto per raccogliere la minestra, vietato usare stuzzicadenti o parlare a bocca piena. Si beve a piccoli sorsi senza rumore, il bicchiere va riempito solo se vuoto, mai fino all’orlo; lasciare versarsi da bere col bicchiere sul tavolo, tamponarsi le labbra prima di bere durante il pasto, assecondare ogni brindisi, anche sorseggiando poco vino. Poche regole che renderanno i due sposi impeccabili, eleganti e sobri.

 
© 2009 Image Show & Organization - p.iva 02053090748. Realizzazione altraweb

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information